sabato 5 novembre 2011

Brevi ClimaRelax, riparazione umidificatore

Brevi ClimaRelax (prima versione)
Ormai è uno stile di vita per me: riparare all'inverosimile prima di riacquistare un prodotto. Specie se certe riparazioni portano addirittura a migliorare il prodotto originale. L'obsolescenza programmata va sconfitta!
Due anni fa ci hanno regalato per Natale l'ottimo umidificatore Brevi Climarelax ad ultrasuoni. Dura tutta la notte, se l'acqua finisce si spegne da solo, regolazione dell'intensità e, non ultimo, molto silenzioso. Ogni anno lo pulisco a dovere prima di metterlo da parte ma nonostante ciò quando lo riprendo difficilmente funziona alla perfezione (sottolineo che l'acqua da noi è molto dura, c'è molto calcare, distruttivo per le parti in metallo).
Quest'anno durante la pulizia  ho rovinato definitivamente il pezzo che genera il vapore e così ho deciso di ripararlo. Il vapore viene generato dal trasduttore piezoelettrico:
Grazie ad un oscillatore ad alta frequenza, rompe l’acqua in piccole particelle di vapore con diametro di circa 1-5 um; il sistema di ventilazione emette queste particelle all’esterno, regolando l’umidità dell’ambiente in base alla percentuale di umidità selezionata.
[Fonte: Brevi.eu]
In pratica, in parole povere, i materiali piezoelettrici se vengono sollecitati con energia elettrica si deformano. Queste piccolissimi oscillazioni a contatto con l'acqua creano il vapore.
Ci tengo a precisare subito che stiamo parlando di un pezzo il cui costo è circa 1 euro! Se si rompe non va più nulla e per 1 euro vale la pena spendere tempo per ricerche e per aggiustarlo.

Trasduttore piezoelettrico
Il primo punto è quindi trovare il pezzo ed acquistarlo. Dopo una serie di ricerche sono approdato ad un produttore di Singapore: Bring New. Abbiamo studiato insieme il pezzo smontato e siamo risaliti ad una copia identica all'originale (in realtà trattasi di un modello in ceramica, maggiormente resistente al calcare). Qui potete trovare la scheda tecnica a cui fare riferimento nel caso in cui foste interessati all'acquisto.
Attenzione: il costo in sé è irrisorio (io l'ho pagato 1 dollaro). Le spese di spedizione invece fanno la differenza. Contrattate bene e fatevelo mandare via posta ordinaria per spendere il meno possibile!
Bene, ora smontiamo l'umidificatore e sostituiamo il pezzo.
Rovesciate a testa in giù l'umidificatore. Per aprirlo dovete prima sollevare i piedini (presenti nella parte inferiore) con un cacciavite e poi svitare le viti che trovate nei 4 fori:

Piedini da sollevare, poi svitare le viti
Facendo leva, sempre con un cacciavite, tra la parte superiore e quella inferiore i due pezzi dovrebbero staccarsi:
Apertura involucro umidificatore
Una volta rimosso il coperchio (parte inferiore) dovreste identificare facilmente il supporto metallico nero che contiene il trasduttore piezoelettrico. Prima svitate la piccola scheda elettronica (figura A) e successivamente il supporto metallico (figura B).


Una volta svitato il supporto mostrato in figura B vedrete il trasduttore piezoelettrico insieme alle sue guarnizioni di gomma che garantiscono la tenuta stagna della "scatola":

Trasduttore piezo elettrico e guarnizioni
Ora dobbiamo smontare il circuito a cui il trasduttore è collegato, in modo da poterlo dissaldare per poi saldare il nuovo. Il circuito è dentro la scatoletta di metallo adiacente (vedi sotto, A). Per prima cosa sollevate il coperchio "a mano", poi svitate la vite che blocca la scheda al supporto (vedi sotto, B). Infine svitate le 4 viti che bloccano il supporto di metallo nero del trasduttore (vedi sotto, C).


Ora potete sollevare l'intero blocco (circuito con scatola + supporto nero in metallo). Restano le ultime 2 viti da svitare prima di poter accedere alla parte inferiore del circuito su cui andremo a saldare il nuovo trasduttore. Svitate la vite (foto sotto, A1) che collega il supporto nero di metallo al circuito e, facendo molta attenzione, la vite che collega un componente al supporto nero di metallo (vedi sotto, A2).
Fate attenzione quando svitate la vite A2 a non piegare troppo i piedini del componente, rischiate di romperli. Inoltre conservate la "linguetta" grigia che trovate tra il componente e il supporto nero (vedi sotto indicato dalla freccia).


A questo punto togliete la scatoletta di metallo e l'involucro di carta che isola il circuito.
Nella parte sottostante dovete dissaldare i punti mostrati nella foto qui sotto dove sono posizionati i fili giallo e blu che arrivano dal trasduttore.


Attenzione!
Nel mio caso il nuovo trasduttore acquistato aveva i colori dei fili esattamente invertiti. Non ho indagato più di tanto per capire se potevo lasciarli invertiti ma ho preferito ristabilire la situazione originale. Per valutare ciò guardate dove e come sono saldati i fili sul trasduttore:

Fili saldati sul trasduttore
Saldate i fili al circuito, come descritto sopra.

Riposizionamento trasduttore col suo sistema di bloccaggio


A questo punto siete pronti a rimontare il tutto. Seguite a ritroso tutti i passi sopra descritti.

Prima di procedere è bene effettuare una pulizia accurata delle guarnizioni e del supporto nero in metallo.

Inoltre, prima di chiudere definitivamente la scatola e stringere tutte le viti, vi consiglio di effettuare una prova. Il risultato che dovreste ottenere è quello mostrato nel video qui sotto:


Se anche il vostro umidificatore fa ribollire l'acqua in questo modo avete concluso i lavori!
Ottimo! ;-)